filippo rossi un giornalista al fronte

Giovedì 17 febbraio alle ore 20.00 la Bibliomedia della Svizzera italiana propone un incontro con lo scrittore e giornalista di stanza in medio-oriente Filippo Rossi. Rossi sarà a colloquio con il collega del Corriere del Ticino Alan Del Don. Nel corso della serata sarà presentato il libro “Il gioco impossibile” (Dadò, 2021) e si parlerà del difficile ruolo di reporter nei paesi in guerra.

FILIPPO ROSSI
Filippo Rossi vive a Istanbul. Ha studiato scienze politiche, letteratura e linguistica araba e portoghese all’università di Zurigo. Collabora con varie testate italiane, svizzere e internazionali. È specializzato in politica estera e conflitti. Durante la sua carriera professionale si è dedicato a coprire crisi e conflitti in tutto il mondo, approfondendo fra gli altri anche il tema della migrazione. Fra il 2015 e il 2019 ha ripercorso le tratte e visitato i luoghi di passaggio degli avventurieri subsahariani, seguendo le loro tracce dai loro luoghi di origine fino alla destinazione, visitando e testimoniando le loro condizioni di vita.

IL LIBRO
«Quando cresci in una famiglia di modeste condizioni nel cuore di un continente senza opportunità, hai in testa fin da bambino la ricerca del benessere. Cresci quindi con la speranza, con le tue ambizioni, uguali a quelle di qualsiasi altro ragazzo nel mondo. Ma ti accorgi che i tuoi mezzi non cambiano. È allora che l’impossibile cerca di prendere il sopravvento e buttarti a terra». Ma il camerunese Sergue Guemou non perde la speranza. Viaggia per anni lungo le rotte dei migranti, tentando di trovare stabilità e serenità. Grazie al suo carisma riesce a superare le infinite difficoltà di quella partita a scacchi che è la migrazione, un gioco contro l’impossibile, un gioco impossibile.

Il protagonitsa del libro, Sergue Guemou, sarà presente con un breve filmato di saluto appositamente girato.

Norme anti Covid-19:
la partecipazione alla serata, ad entrata libera, è vincolata alle regole cha saranno in vigore il 17 febbraio.