Buletti Aurelio

Aurelio Buletti è nato a Giubiasco (Bellinzona), nel 1946. Ha studiato a Milano, insegna italiano alle medie di Viganello. Le sue prime raccolte di versi hanno per titolo "Riva del sole", "Né al primo né al più bello", "Terzo esile libro di poesie". La sua è una lirica pervasa di musicalità cui si affida anche la schietta e concisa metrica. Nel campo della prosa l'autore ha dato una significativa prova con "I trenta racconti brevi", di estroso gusto inventivo. Ci sono due buone ragioni -dice Buletti- per le quali uno che scrive poesie non deve poi parlarne a lungo: per primo, egli è un babbeo che gioca a illuminello, e se alla gente possono interessare e piacere le piccole superfici illuminate dal riflesso di sole che riparte dal suo specchietto, alla gente non interessa e non piace conoscere il babbeo.

Links
www.literatur.ch/Dimanche.568.0.html?&L=2&tx_skcalendar_pi1%5Boffset%5D=1273960800&tx_skcalendar_pi1%5Btargetgroups%5D=&tx_skcalendar_pi1%5Bcategories%5D=&tx_skcalendar_pi1%5Blocations%5D=&tx_skcalendar_pi1%5Borganizers%5D=&tx_skcalendar_pi1%5Bsword%5D=&tx_skcalendar_pi1%5Bview%5D=detail&no_cache=1&tx_skcalendar_pi1%5Buid%5D=703

Opere:
  • La riva del sole. poesie. Lugano (Ed. Pantarei) 1973. (Opera Prima)
  • Né al primo, né al più bello. Sassari (Ed. Iniziative Culturali) 1979. (L'Altra parola ; 1)
  • Terzo esile libro di poesie. Lugano (Natale Mazzucconi) 1989.
  • Trenta racconti brevi. Bellinzona (Ed. Casagrande) 1984. (Collana Versanti)
  • Vertraulichkeiten eines Standverkäufers. Geschichten aus dem Tessin. Zürich (Benziger Verlag, Ex Libris Verlag) 1989.
  • Brevi. Viganello (Alla chiara fonte) 2001.
  • Segmenti di una lode più grande. Vganello (Alla chiara fonte) 2002.
  • Temi. Viganello (Alla chiara fonte) 2004.
  • Rosa shoping. Poesie. Lugano (Fondazione Diamante) 2005.
  • E la fragile vita sta nel crocchio: poesie brevi 2000-2004. Viganello (Alla chiara fonte) 2005.
  • Contesse, gentiluomini, altre e altri. Viganello (Alla chiara fonte) 2010.

Premi:
  • Premio Schiller 2006

Parte di testo da Trenta racconti brevi

Questi racconti di Aurelio Buletti rilevano che scrivendo nessun argomento, nemmeno il più civile e impegnato, può salvare il testo, se il testo non percepisce e non rappresenta per chiare immagini il mistero, il dramma, e persino il divertimento e l'allegria degli uomini e delle donne. Racconti pieni di grazia, grazia che lega percezione e rappresentazione.

Zurück