Mottis Gerry

Gerry Mottis, classe 1975, è originario della Val Leventina e risiede a Lostallo (GR). Nel 2001 ha terminato gli studi in Letteratura Italiana presso l'Università di Friburgo. Docente di italiano nelle scuole medie e medie superiori, è redattore per il Grigionitaliano del “Bollettino Scolastico Grigione” e dell'"Almanacco del Grigionitaliano" e collabora con riviste letterarie online. Dal 2002 al 2008 è stato membro del comitato della Pro Grigione italiano (PGI) sezione moesana e dal 2010 al 2012 membro della commissione delle Edizioni Svizzere per la Gioventù (ESG) per la Svizzera Italiana. Edizioni con le quali ha pubblicato 5 racconti: La fiducia comprata; Motto Balocco; Il magico destino di Kevin; L'alberello dei problemi; La storia dell’elefante blu che incontrò la giraffa verde sul pianeta grigio. Per la sua opera narrativa ha ricevuto diversi premi e segnalazioni in numerosi concorsi letterari. Alcuni suoi racconti e alcune poesie sono state pubblicate su riviste culturali quali: QGI Quaderni del Grigioni italiano, Bloc Notes, Almanacco Grigione, Babilonia, Legger…ti , ecc. Oltre che in letteratura è attivo anche nel teatro, ha fondato la compagnia teatrale “Siparios” e scritto la commedia “Un figlio a tutti i costi”, e nel cinema con la realizzazione di un cortometraggio dal titolo “Cuore in camicia”. Attratto e influenzato dalla letteratura russa (Dostoevskij e Checov) ama pure la scrittura di Pirandello, Kafka, Edgar Allan Poe, Buzzati, Rigoni Stern e Erri De Luca. Gerry Mottis è anche un appassionato viaggiatore, uno scopritore di altri mondi. Di questa sua passione ha detto: Il viaggio è diventato fonte inesauribile di esperienze e di avventure formative. Mi ha permesso di crescere e di conoscere, ma pure di formare la mia sensibilità poetica e narrativa. L’osservazione di popolazioni diverse, lo studio di nuove lingue straniere, l’approfondimento di messaggi etici e morali proveniente da terre remote (quali ad esempio la Bolivia o la Repubblica del Sudafrica), hanno intarsiato in modo indelebile il mio modo di intendere la vita, di apprezzarla e di valorizzarla in tutti i suoi aspetti.

Liens
www.gerry-mottis.ch/chi-sono/

Bibliographie :
  • Sentieri umani (poesie). Ragusa (Libroitaliano) 2000.
  • Un destino una nostalgia (poesie). Balerna (Ulivo) 2003 (con la prefazione del prof. Jean-Jacques Marchand).
  • Il boia e l’arcobaleno (racconti surreali). Balerna (Ulivo) 2006 (con la prefazione del prof. Guido Pedrojetta).
  • Deus Ex (commedia teatrale). Balerna (Ulivo) 2007.
  • All'inizio (...e alla fine ) c'era il Verbo (commedia teatrale). Balerna (Ulivo) 2008.
  • Poesie e nebbie, in "Pensieri in quota", MiArte Edizione, Bellinzona 2009 (opera in beneficienza per il Togo).
  • Oltre il confine e altri racconti. Locarno (Dadò) 2011 (con la prefazione del prof. Guido Pedrojetta.
  • Se un uomo e una donna … (poesie - con Annamaria Pianezzi Marcacci). Balerna (Ulivo) 2012.
  • Fratelli neri: Storia dei primi internati africani in Mesolcina. Locarno (Dadò) 2015
  • Terra bruciata. Mendrisio (Capelli Editore) 2017

Distinctions :
  • Premio Francesco de Sanctis 1999
  • Premio Vittorio Tolasi 1999
  • Premio Città di Friburgo 2000
  • Primo premio @Faigirarelacultura.ch, promozione annua online per "Fratelli neri", aprile 2015

Extrait de Terra bruciata

Con Terra bruciata l’autore propone un romanzo dal profumo storico a cavallo tra realtà e finzione, dai ritmi spesso incalzanti, altre volte introspettivi e commoventi. La vicenda ruota attorno a quattro processi che si svolsero realmente tra il 1613 e il 1615 e i cui verbali – conservati negli Archivi di Circolo – sono stati trascritti fedelmente nell’italiano di oggi.

Il loro esame ha riportato alla luce nomi reali, personaggi storici, tradizioni popolari, presunti malefici, delitti efferati, torture atroci, assurde superstizioni e palesi ingiustizie del nostro passato, che hanno contrassegnato le valli alpine e tutta l’Europa.

précédent