Grignola Fernando

Fernando Grignola è nato nel 1932 ad Agno, paese in cui vive tuttora. Nel panorama letterario ticinese si è adoperato per diffondere l’arte poetica del dialetto attraverso una dozzina di raccolte con prefazioni di personaggi noti nel contesto culturale e letterario del nostro Paese come, per citarne alcuni, Mario Agliati, Ottavio Lurati, Romano Broggini, Angelo Casè, Gritzko Mascioni. La sua attività di scrittore è iniziata in lingua con “Solo la voce” del 1963, cui hanno fatto seguito “La vicenda del vivere” del 1967, “Uomini e colline” del 1974 e “Solo nel cuore abbiamo” del 1981. Il suo debutto in dialetto risale al 1965 con “Ur fiadàa dra mè gent”, opera che ha dato il via ad un’intensa collaborazione di autore radiofonico di commedie dialettali con la storica trasmissione della RSI “La domenica popolare”. Sempre per la RSI dal 1985 al 1994 è stato produttore responsabile del settore “Teatro popolare” e “Dialetto”, succedendo a Sergio Maspoli con cui aveva lavorato per diversi anni. Con la pubblicazione “Radisa innamuràda” Grignola ottiene nel 1998 il Premio Schiller per la letteratura della Svizzera italiana. Di lui Ottavio Lurati, nella prefazione al volume “Lüs” (luce) pubblicato dalle Edizioni Ulivo di Balerna nel 2003, scrive: (…)” la forza di Grignola, la coralità di partecipazione che anima le sue pagine, la densità di esiti poetici, la coerenza con il vissuto, la ricerca dell'assoluto, mostrano i livelli cui può giungere lo scrivere in dialetto, la sua dignità ed essenzialità. (…) Non vi è nulla di posticcio, di esibito in lui; e piace anche come uomo per il suo essere schivo: una qualità oggi rara, e che piaceva intensamente ad amici come Biagio Marin che fu tra i suoi estimatori convinti.” Accanto alla produzione poetica vi è pure una produzione narrativa con “Radici di terra e di lago – il paese memorabile” del 2005”, una raccolta di racconti dell’infanzia di Grignola che testimoniano la vita in tempo di guerra fino ad arrivare alla metà degli anni ’50 del secolo scorso, “L’uomo che veniva dal mondo” del 2011, composto da tutti i racconti della sua carriera e “Là dove cantava l’usignolo” del 2014. Con il saggio “Le radici ostinate – Poeti dialettali della Svizzera italiana” del 1995, ottiene la menzione di libro dell’anno 1966 della Fondazione Schiller e una segnalazione al premio Biagio Marin nel 1997.

Liens
www.rsi.ch/rete-uno/programmi/intrattenimento/dialett-in-sacocia/Incontro-con-Fernando-Grignola-8332204.html

Bibliographie :
  • Radìsa innamuràda : Radice innamorata : canzoniere nel dialetto di Agno. Agno (Edizioni Bernasconi) 1963
  • Solo la voce e altre poesie. Agno (Edizioni L. E. M. A.) 1963
  • Ur fiadaa dra mè gent : puesii in dialett d’Agn. Agno (Edizioni L. E. M. A.) 1965
  • La vicenda del vivere : poesie. Agno (Edizioni L. E. M. A.) 1967
  • La sonada senza nom. Agno (La Malcantonese) 1970
  • Uomini e colline : poesia. Milano (Ed. Club degli autori) 1974
  • Solo nel cuore abbiamo. Fossalta di Piave (Rebellato) 1981
  • La mamm granda da tücc : poesie e racconti in dialetto. Locarno (Pedrazzini) 1983
  • Autori dialettali radiofonici : incontri di introduzione e di aggiornamento 1985. Lugano (RSI) 1985
  • Brava gent ; Ul bosch dal dinosauro : commedie dialettali in 4 e 2 atti. Agno [s.n.] 1985
  • La pagina striàda = La pagina stregata : poesie. Locarno (Pedrazzini) 1987
  • Ciel da paròll = Cielo di parole. Agno (Bernasconi) 1991
  • Le radici ostinate : poeti dialettali della Svizzera italiana. Locarno (Dadò) 1995
  • Ur cör e la radísa = Il cuore e la radice : breve antologia delle poesie in dialetto. Agno (Almanacco malcantonese e Valle del Vedeggio) 1996
  • Choix de poésies = Gedichte aus vier Jahrzehnten. Solothurn (Solothurner Literaturtage) 1998
  • Visín luntán : nuove poesie. Faenza (Mobydick) 1999
  • Lüs = Luce. Balerna (Ed. Ulivo) 2001
  • Eternità d’amûr - Registrazione sonora : 12 poesie. Lugano (RSI) 2004
  • Radici di terra e di lago : il paese memorabile. Agno (Edizioni MB Promotion) 2005
  • La foglia trafitta dal sole : antologia e poesie nuove, 1957-2007 = Ra föia sfilzàda dar suu. Balerna (Ed. Ulivo) 2008
  • L’uomo che veniva dal mondo : racconti. Balerna (Ed. Ulivo) 2011
  • Nel tempo che scorre : per gli ottant’anni dell’autore : poesie dalle raccolte in italiano e dalla produzione in dialetto. Balerna (Ed. Ulivo) 2012
  • Là dove cantava l’usignolo : racconti dal paese della memoria. Balerna (Ed. Ulivo) 2014
  • Sessanta! : 1955-2015. Agno (Fernando Grignola) 2015
  • Paròl biótt = Parole nude : nuove poesie 2015/2016. Balerna (Ed. Ulivo) 2016
  • Radici dell’oralità perduta. Lugano (Fontana Edizioni) 2016

Distinctions :
  • Premio Schiller per la letteratura della Svizzera italiana. 1968

Extrait de Radici dell'oralità perduta

Ho qui raccolto le mie ricerche sulla cultura orale popolare e dialettale risalenti dalle fine anni Cinquanta all'inizio Settanta del secolo scorso, filastrocche, detti e tiritere popolari, proverbi, espressioni tipiche, parole in dialetto allora già in disuso. Dinosauri, appunto! Documentazione sviluppata a titolo personale dapprima come redattore dell'Almanacco malcantonese d'allora, con letture a Pomeriggi Anziani in varie località e successivamente dal Settanta in poi, continuata come produttore programmi Teatro e Dialetto alla RSI anche con quiz radiofonici. I dialetti espressi nelle documentazioni a suo tempo trascritte sono quelli sottocenerini dei territori di Agno, Basso Malcantone, Pian Vedeggio e Campagna luganese (..).

précédent