Bettelini Lauro

Lauro Bettelini (1938/2015) dopo gli studi a Lugano, sua città natale, ha lavorato, per un certo periodo, presso l'Ufficio tecnico del comune con la qualifica di caposervizio. Ha poi proseguito gli studi in giornalismo a Milano. Come pubblicista ha collaborato con i quotidiani "Il Dovere" e "Gazzetta Ticinese" di cui, in un secondo tempo, è diventato redattore. In seguito ha lavorato alla Televisione della Svizzera Italiana ed è stato redattore de "Il Lavoratore svizzero", organo dei Sindacati liberi della Svizzera italiana, di cui è pure stato presidente. Membro dell'Associazione scrittori e del PEN Club della Svizzera italiana, nel 1987 è giunto in finale al Premio Ascona con: "Lo zodiaco del nonno". La sua prima opera di narrativa ha per titolo "Noi della piazza" (1987). "(...) Un libro non agreste, non rurale, che al di là del duro linguaggio esprime le sue cose migliori nei momenti di tenerezza, di memoria lirica, di sfumature di sentimenti e di atmosfere meteorologiche, rivelando quello che Bettelini è già da lungo tempo: un autore di poesie che si sforza di esprimersi anche nella prosa letteraria". Sempre nel 1987 uscì la sua prima raccolta di liriche poetiche dal titolo "Gli orti del disgelo". Giuseppe Biscossa, nella prefazione, scrive: "(...)Negli oltre cinquanta componimenti, nell'uso spigliato, insolito del verbo, si avverte una carica di sentimento genuino che plasma la lingua secondo le proprie esigenze (...)."

Bibliographie :
  • Noi della piazza. Lugano-Pregassona (Ed. Edelweiss) 1987.
  • Gli orti del disgelo. Firenze (Edizioni irenze Libri) 1987.
  • Lo zodiaco del nonno. Lugano-Pregassona (Ed. Edelweiss) 1987.
  • Il doppio allo specchio. Lugano-Pregassona (Ed. Edelweiss) 1988.
  • Sotto la luna del monodelfo. Bellinzona (Ed. Casagrande) 1992. (Il Ceppo)
  • Kalafethà. Balerna (Ed. Ulivo) 1996. (I Pedigreed)
  • Ardente incolpevole. Poesie. Balerna (Ed. Ulivo) 1996.
  • A Villa Pilaro. Balerna (Ed. Ulivo) 1998.
  • La baia dei Maronti. Racconti. Balerna (Ed. Ulivo) 2000.
  • Il folletto Azzaip. Balerna (Ed. Ulivo) 2002.
  • Sul sentiero dei cembri. Balerna (Ed. Ulivo) 2009.

Distinctions :
  • Finalista Premio Ascona 1987

Extrait de Kalafethà

Kalafethà è incentrato sulla figura femminile, sul suo ruolo, sulle aspettative, speranze, delusioni, successi, amori e sull'importanza che il mondo femminile gioca nelle vita di tutti. "Kalafethà" è quindi il ritratto, sottilmente descritto da Lauro Bettelini, di una donna moderna, inquieta, sensuale, alla ricerca della propria identità spirituale e pittorica, in un rapporto conflittuale tra sofferenza e aspirazioni umane presenti e future. Da Lisbona a Berlino, Kalafethà cerca e trova ispirazione negli ambienti più diversi. Ma poi l'incidente...
La trama si svolge tra fantasia e realtà, in un avvincente e incalzante intrecciarsi di eventi.

précédent