Canonica Ugo

Ugo Canonica (1918-2003), originario di Bidogno, è nato a Willisau (Lucerna) e deceduto a Lugano. Autore di racconti e poesie, ha seguito la formazione d'insegnante ed é stato Direttore del Centro Professionale d`Arti e Mestieri di Lugano-Trevano e, in seguito, ispettore scolastico. Ha esordito nel campo della poesia nel 1959, partecipando al Concorso dialettale indetto dalla rivista «Il Cantonetto». Nel corso della sua carriera, in cui alterna la scrittura in dialetto con quella in lingua, due sono stati gli incontri che più lo hanno influenzato; il primo con Remo Beretta, il secondo con i nuovi poeti, con la loro nuova poesia (Sanguineti, Erba, Saba, Quasimodo, Montale). Entrambe le esperienze contribuiranno a maturare uno stile sempre più essenziale. Nel campo della narrativa segnaliamo le sue due opere autobiografiche: “La voce del padre” (1945) e “I falò di Santa Brigida” (1954).

Links
www4.ti.ch/fileadmin/DECS/DCSU/AC/CDE/mediateca/proposte_di_lettura/na-canonica.pdf

Werke:
  • La storia dei Filanda. (Ed. dell' Ippocampo) 1948.
  • La luce era in soffitta. (Ed. Dell'Ippocampo) 1951.
  • La ninfea del lago : Leggende del Luganese. Zurigo (Ed. Svizzere per la Gioventù,) 1951.
  • I falò di Santa Brigida : Racconti. (Il Roccolo) 1954.
  • La voce del padre. Bellinzona (Ist. Editoriale ticinese) 1954.
  • Na medaia de finte argente : Poesie in dialetto di Bidogno. Lugano (Ed. del Cantonetto) 1959.
  • Le sere dei vecchi. Arbedo (Edizioni Cenobio) 1963.
  • Nuove poesie. Muzzano (Gaggini-Bizzozero) 1965.
  • Undici poesie. Arbedo (Edizioni Cenobio) 1967.
  • Poésie. Muzzano (Gaggini-Bizzozero) 1968.
  • Le carte : (Poesie). Muzzano (Gaggini-Bizzozero) 1971.
  • Racconto postumo di paese. Lugano (Edizioni di "Gazzetta ticinese") 1973.
  • Vecchie poesie. Lugano (Edizioni di "Gazzetta ticinese") 1974.
  • La vita è tutta. Lugano (Collana di Lugano) 1975.
  • Gherengh, garangh : poesie. Bellinzona (Casagrande) 1979.
  • I Ligolèghi : poesie in dialetto di Bidogno con altri testi, Edizioni del Cantonetto, 1981.
  • To vì. A vigh : poesie in dialetto di Bidogno. Lugano (Ed. del cantonetto) 1986.
  • R imbiugh : poesie in dialetto di Bidogno. Bellinzona (Casagrande) 1994.
  • I predé e i nosance. Balerna (Ed. Ulivo) 1997.
  • La suora cugina. Lugano (Ed. del Cantonetto) 1997.
  • In sto monde tonde tonde. Lugano (Ed. del Cantonetto) 2001.
  • La storia dei Filanda e altre storie (a cura di Guido Pedrojetta). Locarno (Dadò) 2014

Textausschnitt aus I falò di Santa Brigida

Incipit: Il paese in cui sono nato un giorno di dicembre lo ritrovo in fondo alla memoria, ancora chiaro. Un paese steso nella paina, tra innumerevoli meli verdi e fioriti oppure rossi di frutti. Compagni di quel tempo fuori della vita, erano il moccioso Hans dai calzoni a mezza gamba, l'Albert piccolo e grasso dalle orecchie diafane, il Seppi, figlio del pizzicagnolo che aveva la bottega sulla via Principale. (...)

Poesia da: "Gherengh garangh" (Casagrande) 1979

Di mille avute:

Non esiste fiala o ristoro
ma l'amore sì, di donna
o quel tanto che residua, di mille avute
in teoria, possedute

Zurück